Musica

Bologna, la stagione 2018 del Teatro Comunale

I melomani emiliani sono accontentati: ecco la prossima Stagione lirica e di danza del Teatro Comunale di Bologna.

Bologna, la stagione 2018 del Teatro Comunale

Fulcro della vita musicale di Bologna, anche nel 2018 il Teatro Comunale non deluderà i suoi tanti e fedeli aficionados: appassionati di lirica, soprattutto, ma anche di balletto. Parola di Nicola Sani, sovrintendente, e Michele Mariotti, direttore musicale. Ma attenzione: anche la stagione sinfonica – basta consultare il sito del teatro felsineo – appare altrettanto generosa e stimolante.

Gli appuntamenti operistici

Tocca a La bohéme pucciniana l'onore dell'inaugurazione, nella seconda metà di gennaio, sotto la direzione di Mariotti e con un nuovissimo allestimento firmato da Graham Vick. Scene e costumi sono di Richard Hudson; interpreti principali Mariangela Sicilia e Francesco Demuro.
A marzo è la volta dei Dialogues des Carmélites di Poulenc nell'allestimento di Olivier Py coprodotto con il Théâtre des Champs-Elysées di Parigi; la direzione musicale viene affidata a Jérémie Rhorer. A metà aprile ecco il verdiano Simon Boccanegra con la regia di Giorgio Gallione e Andriy Yurkevych sul podio; fra gli interpreti Dario Solari, Yolanda Auyanet, Stefan Pop e Michele Pertusi.
Ai primi di maggio I Capuleti e i Montecchi di Bellini saranno diretti da Matteo Pagliari, sotto la regia di Silvia Paoli e nell'ambito del progetto Opera Next, che vede coinvolti allievi della Scuola dell'Opera del TCBO.
Di nuovo Verdi a giugno con il Don Carlo, nuovo spettacolo curato da Henning Brockhaus; la bacchetta è quella di Michele Mariotti, in scena Roberto Aronica, Maria José Siri, Veronica Simeoni e Luca Salsi. In collaborazione con la Bernstein School of Musical Theater, a luglio si potrà godere West Side Story, avendo Timothy Brock per direttore e Gianni Marras quale regista.

E dopo la lunga pausa estiva…

Ad ottobre 2018, nell'ambito del Festival Bologna Modern, Kraanerg di Iannis Xenakis verrà proposto al Comunale – in prima rappresentazione scenica italiana - con la regia di Luca Veggetti e la bacchetta di Yoichi Sugiyama.
A novembre torna nella sala bibienesca La fille du régiment di Donizetti sotto la guida di Yves Abel e nella regia di Emilio Sagi; protagonisti Hasmik Torosyan, Maxim Mironov e Federico Longhi.
Chiuderà la stagione 2018 a dicembre il Don Giovanni di Mozart, spettacolo in coproduzione con il Festival di Aix-en-Provence. Sul podio Michele Mariotti, cabina di regia affidata a Jean-François Sivadier, cast imperniato sul basso Ildebrando D'Arcangelo.

Ed ecco la danza

Dal 15 al 21 febbraio Petruška di Stravinskij e Chukrum di Giacinto Scelsi saranno la base per due nuove coreografie di Virgilio Sieni; l'orchestra del TCBO sarà nelle mani di Fabrizio Ventura. Data unica - il 23 marzo – per il balletto Take Over, con Brigel Gjoka, Eduardo Torroja e David Zambrano, coproduzione con Art Factory International.

 

Gilberto Mion

Autore:

Gilberto Mion

REDATTORE