Il West Side Story dell'UPAM di Ina Perna va in tournée dal 19 luglio

Al Teatro Mattiello di Pompei prende il via la tournée estiva dell'Università Popolare Arte e Musical di Ina Perna con con il West Side Story.
Miniatura
Danza

A distanza di quattrocentouno anni dalla morte di William Shakespeare l'Università Popolare Arte e Musical di Boscoreale ha allestito il proprio contributo didattico in onore del Bardo con il West Side Story, rivisitato in chiave ulteriormente moderna rispetto all'originale musical di Leonard Bernstein e Jerome Robbins. Un'operazione, dunque, didattica ed artistica nel solco del progetto Dalla formazione al palcoscenico dell'UPAM diretta da Ina Perna. La prima rappresentazione è prevista per il 19 luglio al Teatro Mattiello di Pompei con replica il giorno dopo ed il 21 al Teatro Armida di Sorrento. A seguire West Side Story approderà a Paestum a fine agosto, il 16 settembre a Bruxelles ed a fine settembre al Teatro Augusteo di Napoli. Prima di una serie di matinée riservate alle scuole di ogni ordine e grado della regione Campania.

Perché il West Side Story

Il curricolo degli studenti dell'ultimo anno del triennio di musical si è raccolto attorno alle pagine di William Shakespeare, con la scelta di rappresentare West Side Story nell'ottica di attualizzare le tematiche dell'immigrazione, dell'inclusione, del razzismo e di tutte le altre sfaccettature dello stare insieme. Un contributo didattico, sociale ed artistico in un solo titolo pensato ed offerto da Ina Perna, peraltro coadiuvata in questa complessa operazione da Stefania Spisto, direttrice casa editrice Il Quaderno Edizioni che offrirà uno sfondo di riflessioni culturali e sociali alle diverse chiavi di lettura delle scorribande amorose tra Tony e Maria, esponenti di due bandi giovanili rivali, i Jets e gli Squali. Senza dimenticare l'ultimo apporto del FORUM dei Giovani di Pompei, a dimostrazione della fattiva presenza dell'Università Popolare Arte e Musical di Boscoreale nel proprio territorio ma in evidente via di espansione, assai ben oltre i confini regionali.      

Gli artisti del nuovissimo West Side Story

Il progetto Dalla formazione al palcoscenico è stato seguito dallo sceneggiatore di casa Gianmarco Cesario, dal coreografo Stefano Forti, dal vocal coach Raffaello Converso e dal regista di Gianluca Cangiano, valore aggiunto all'intero organigramma dell'UPAM di Boscoreale. E poi lo stuolo di giovani promesse che rappresenteranno un musical tra i più celebri del repertorio mondiale, nonché banco di prova al cospetto di una moltitudine di spettatori già carichi per le dispute tra i protagonisti: Maria (Marta De Marino), Tony (Antonio della Mura), Anita (Giulia Trere), Bernardo (Rino Esposito), Riff (Alessio Falanga), Chino (Salvatore Borrello), Consuelo (Vanna Astro), Rosalia (Pina Di Lorenzo), Tenente Shark (Anna Acanfora) e Doc (Antonio Di Concilio). Il corpo di ballo è invece composto da Livia di Donato, Isabella Solipano, Clara Formicola, Sara Somma, Daniela Barretta, Miriana Parmentola, Claudio Arcione, Antonio Lollo, Luca Anatriello e Nicola Mirabella.

Formazione, palcoscenico e futuro per le giovani promesse

La direttrice artistica dell'UPAM Ina Perna ha immaginato una cornice preziosa al suo West Side Story, sia per arricchire l'offerta formativa dei propri studenti che per andare incontro alle esigenze così eterogenee del pubblico a pagamento e delle matinée cui andranno incontro i baldi giovani di Ina Perna. Intanto con le iniziative collaterali e poi con il bando delle nuove audizioni di settembre, aperte ai giovani talenti desiderosi di confrontarsi con programmazioni flessibili ma centrate sul repertorio attraverso un percorso di Danza, Musical, Recitazione, Canto e Musica.

Docente di storia della danza Scuola di Ballo Teatro di San Carlo di Napoli Docente di storia della danza Università Popolare di Napoli Docente di storia della danza Università Popolare di Arte e Musica di Napoli Ricercatore sezione danza Soprintendenza Archivistica per la Campania Ricercatore...