Classica

Musica classica alla Basilica di Santa Maria delle Grazie a Milano

Quattro appuntamenti primaverili: il 20 marzo si parte con Bach. Poi Mendelssohn, Mozart e Caikovskij: è la XIV stagione di Arteviva.

Musica classica alla Basilica di Santa Maria delle Grazie a Milano

In autunno è stato tutto esaurito con il Requiem di Mozart nella chiesa di Santa Maria delle Grazie a Sondalo (SO) e il concerto di Natale con musiche di Händel. Ora prende il via la stagione primaverile con quattro concerti di grande respiro che ripercorrono la tradizione musicale del settecento e ottocento, tra barocco, classicismo, primo e tardo romanticismo.

Il programma

Sul palco si alternano l’Orchestra da Camera Arteviva con il M° Matteo Baxiu insieme ad ensemble, orchestre e solisti ospiti.


Il 20 marzo si parte con la musica sacra delle Cantate di Johann Sebastian Bach eseguite dal Coro e Ensemble Barocco del Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze sotto la direzione di Alfonso Fedi: un gruppo di allievi selezionati e docenti che in maniera stabile e professionale collaborano da oltre cinque anni alla realizzazione di programmi ricercati all’interno del repertorio del sei-settecento.
Entrambe le cantate - Aus der Tiefen rufe ich, Herr, zu dir ("Dal profondo a te grido, oh Signore") BWV 131 e Gottes Zeit ist die allerbeste Zeit, ("Il tempo di Dio è il tempo migliore") BWV 106 - sono state composte nel 1707, daun Bach appena ventiduenne.

L’11 aprile vedrà l’Orchestra Sinfonica di Sanremo, una delle più antiche e prestigiose realtà musicali italiane - con i suoi 112 anni di vita, fa parte delle 12 Istituzioni Concertistico Orchestrali (I.C.O.) riconosciute dallo Stato. Un programma che abbina la verve drammatica ed emozionante del concerto per violoncello di Edouard Lalo (solista Mariano Dapor), alla scrittura giovanile e fresca di un Mendelssohn alla prima sinfonia.

Il 3 maggio è la Serata Speciale dedicata al Flauto con la presenza di Sir James Galway, leggenda del flauto, che riporterà nella Basilica di Santa Maria delle Grazie le note del concerto n.2 per flauto k314 di Mozart.

L’ultimo appuntamento è il 12 giugno: qui svetta il romanticismo di Tchaikovsky con la sua straordinaria quinta sinfonia, una partitura specchio della lotta tra l’uomo e il fato, qui suonata dall’Orchestra da Camera Arteviva e diretta da Matteo Baxiu.

 

Informazioni e prevendita online:
www.associazionearteviva.eu

 

Meo Rabacci

Autore:

Meo Rabacci

REDATTORE