Pagine nascoste: NTF tra cinema e poesia

Nell'ambito del Napoli Teatro Festival, la rassegna Pagine nascoste in cui il cinema racconta la poesia.
Miniatura
Cinema

Per la decima edizione del Napoli Teatro Festival la Villa Pignatelli diviene spazio privilegiato di raccoglimento poetico. La maestosa villa ospita la rassegna Pagine nascoste i cui incontri racconteranno la storia della grande poesia italiana e straniera.

La poesia attraverso il cinema

Per questa edizione la Villa Pignatelli si consacra interamente alla poesia. Le rassegne rispettivamente letterarie e cinematografiche Io e tu (14-24/06) e Pagine nascoste (14-23/06) che avranno luogo nella Villa si propongono di raccontare la poesia secondo vari mezzi di espressione: il cinema e il teatro. In particolare Pagine nascoste, curata da Silvio Parrella, è un esperimento innovativo volto a mostrare la potenza espressiva della poesia attraverso pellicole di rara reperibilità e gentilmente offerte da Festivaletteratura di Mantova, che collabora al progetto. Dai cortometraggi che racconteranno versi attraverso altri versi emergerà dunque il rapporto durevole che intercorre tra antico e moderno, tra i poeti di oggi e quelli del passato.

Da Shakespeare a Pasolini

Pagine nascoste si apre inaugurando il connubio tra cinema e poesia con il primo incontro dedicato a Pier Paolo Pasolini. In Qui finisce l'Italia (regia di Gilles Coton) si racconta la visione del poeta e regista Pasolini di un'Italia finita e devastata dalla guerra. Relativo alla poesia italiana è anche A Sud di Pavese (regia di Matteo Bellizzi) dedicato al poeta di Cuneo del quale si intrecciano e ricercano i fili della sua anima al fine di instaurare un rapporto di continuità fra il mondo pavesiano e quello contemporaneo. Tra le pellicole dedicate a poeti stranieri, ecco il documentario End and beginning: meeting Wislawa Szymborska (regia di John Albert Jansen) che ripercorre la storia attraverso i versi della poetessa polacca. Tra gli stranieri non poteva non mancare il Bardo con Shakespeare: the hidden truth (regia di Jørgen Friberg), quasi un thriller letterario-cinematografico sulla figura del più grande drammaturgo di tutti i tempi. Per il programma completo della rassegna leggere qui.

Poesia e cinema: passato e presente a confronto

Pagine nascoste si rivela essere un progetto nuovo e interessante in cui si vuol dare un volto alternativo alla grande poesia di tutti i tempi e tutti i luoghi. Un momento di divulgazione poetica e contemporaneamente cinematografica data la rarità delle pellicole, in cui il rapporto tra passato e presente non si realizza solo nella lontananza trai poeti proposti ma soprattutto nell'accostamento dell'antica e immortale poesia con la più recente arte cinematografica.

napoli teatro festival
pagine nascoste
shakespeare
Szymborska
pasolini
pavese
villa pignatelli
news
Nato e laureato a Napoli, Salvatore Di Marzo collabora a diverse testate giornalistiche e progetti culturali universitari con articoli e recensioni. È autore di poesie e racconti apparsi in riviste telematiche e in antologie; è coautore di due sillogi poetiche. Ha ricevuto diversi riconoscimenti per...