Le Recensioni dei film d'autore


 Cerca      Pagine:   Vai all'inizio  Vai alla pagina precedente  1  2  3  4  5  6  Vai alla pagina successiva

ANGEL
ANGEL Voto del Redattore: 4
François Ozon, giovane e seducente regista parigino (classe 1967!), sforna un’altra opera brillante ed originale (si pensi a film quali 8 donne e un mistero, Sotto la sabbia, Il tempo che resta) definita dalla critica un “melodramma fiammeggiante”. Ed effettivamente di melodramma si tratta, con tanto di costumi e palazzi, ragazze che sognano l’amore, feste nell’alta società, tradimenti e ...
Inserita il 26 - 12 - 07 Elisabetta Colla
IN QUESTO MONDO LIBERO (It’s a free world…)
IN QUESTO MONDO LIBERO (It’s a free world…) Voto del Redattore: 4
Dopo alcune interessanti divagazioni cinematografiche dai suoi contesti preferiti (con gli ultimi due film, Un bacio appassionato ed Il vento che accarezza l’erba), torna il Ken Loach che più ci piace, con l’aspro e complesso It’s a free world: il Loach conosciuto nel mondo del cinema per l’impegno sociale delle sue opere, rivolto in particolare all’attualità del mondo del lavoro e della ...
Inserita il 26 - 12 - 07 Elisabetta Colla
PARANOID PARK di Gus Van  Sant
PARANOID PARK di Gus Van Sant Voto del Redattore: 2
Presentato in anteprima nazionale tra gli eventi speciali dell’ottava edizione del “Sottodiciotto Film Festival” di Torino, l’ultimo film del pluripremiato regista Gus Van Sant, intitolato “Paranoid Park”. La pellicola riprende idealmente il discorso narrativo cominciato con “Elephant” (2003) e con quel lavoro ha in comune l’ambientazione (Portland) e il fatto di schierare nel cast giovani ...
Inserita il 07 - 12 - 07 Roberto Mazzone
VIAGGIO IN INDIA
VIAGGIO IN INDIA Voto del Redattore: 4
Le domande filosofiche classiche (chi siamo? dove andiamo? esiste dio o siamo frutti del caso?) che si pongono da sempre i viaggiatori attratti dall’India e dai suoi misteri, dalle spedizioni dell’Ottocento fino agli hippies degli anni Settanta, sono ben presenti anche nel soggetto dell’ultimo film del grande regista iraniano Mohsen Makhmalbaf, con alcune peculiarità importanti. La prima ...
Inserita il 16 - 09 - 07 Elisabetta Colla
IL MATRIMONIO DI TUYA
IL MATRIMONIO DI TUYA Voto del Redattore: 4
Sempre più sembrano affascinare il grande schermo storie di donne forti che si svolgono in paesi lontani, il cui pane quotidiano di fatiche ed avversità ne fa emergere, insieme all’aspetto vitale ed all’illimitata capacità di resistenza, la vena intima di poetica fragilità ed il messaggio universale del film. E’ questo il caso dell’opera - made in China - vincitrice dell’Orso d’Oro al Festival ...
Inserita il 12 - 09 - 07 Elisabetta Colla
L'ULTIMO INQUISITORE
L'ULTIMO INQUISITORE Voto del Redattore: 4
C’era tanta attesa per il ritorno, dopo anni di silenzio, del regista Milos Forman. Abituati alla sua bravura e originalità ( basta ricordare “Amadeus” e "Qualcuno volò sul nido del cuculo", veri e propri capolavori ), in questo nuovo film il settantacinquenne ceco è riuscito a catturare, in appena due ore, tutto il genio di Goya e a ricostruire le atmosfere grottesche dei suoi dipinti. ...
Inserita il 13 - 05 - 07 Silvia Marchetti
MIO FRATELLO E' FIGLIO UNICO
MIO FRATELLO E' FIGLIO UNICO Voto del Redattore: 3
“Mio fratello è figlio unico”, del regista Daniele Luchetti, vede Riccardo Scamarcio, idolo delle teenagers, in un ruolo totalmente diverso dallo Step di “Tre metri sopra il cielo” e “Ho voglia di te”. Il film è il racconto di uno spaccato di vita familiare, sociale e politica nell’Italia degli anni Sessanta e Settanta, fino agli albori di quel triste periodo italiano che tutti conosciamo ...
Inserita il 18 - 04 - 07 Roberto Mazzone
Via Varsavia
Via Varsavia Voto del Redattore: 5
Sembra impossibile che un film come questo sia stato girato a budget 0 e in digitale, architettato e modellato da giovani appassionati di cinema, costituitisi in un progetto dal nome “Le cose che so di me”. Se poi il nostro sguardo cade sui nomi dei componenti del cast, questo non fa altro che enfatizzare l’iperbole. L’unica risposta plausibile è che alle spalle non c’è altro che vera arte, ...
Inserita il 04 - 04 - 07 Vittorio Castagna
IN MEMORIA DI ME
IN MEMORIA DI ME Voto del Redattore: 4
Un film da vedere, su cui riflettere e discutere, un film anomalo nel piatto panorama del cinema italiano e in cui le pause e i silenzi sono altrettanto importanti dei dialoghi. Dopo l’ottimo “Private”, Saverio Costanzo conferma una sorprendente maturità e una incredibile padronanza nell’utilizzare al meglio la macchina da presa, nonché una eccezionale capacità nel dirigere attori (professionisti ...
Inserita il 13 - 03 - 07 Leo Pellegrini
SATURNO CONTRO
SATURNO CONTRO Voto del Redattore: 3
Secondo alcune teorie a riguardo, gli esseri umani vittime degli influssi seducenti e nefasti dell'oscuro pianeta Saturno sono creativi e affascinanti. Non è un caso quindi che il protagonista del film, Davide (uno straordinario Pierfrancesco Favino), sia un noto scrittore di favole per bambini dalla personalità magnetica e irresistibile. Un uomo fascinoso che vive col partner Lorenzo (Luca ...
Inserita il 05 - 03 - 07 Deborah Macchiavelli
CAMBIO DI INDIRIZZO
CAMBIO DI INDIRIZZO Voto del Redattore: 3
C’è chi lo accomuna a Buster Keaton, chi a Woody Allen ed Eric Rhomer, lui si considera indegno erede dei tre ed aggiunge Jacques Tati: oggetto di cotanti paragoni è un giovane talento del cinema francese, Emmanuel Mouret, attore, autore e regista dell’aggraziata commedia Changement d’adresse, appena giunta in Italia. “Trovo esagerato che il mio cinema venga avvicinato a quello di grandi ...
Inserita il 17 - 02 - 07 Elisabetta Colla
LA STRADA DI LEVI: da Auschwitz a Ground Zero
LA STRADA DI LEVI: da Auschwitz a Ground Zero Voto del Redattore: 5
Nel 1963, Primo Levi scrive “La tregua”. Un racconto drammatico, se non fosse per le atmosfere picaresche che di tanto in tanto emergono dalle pagine, sul lungo e irreale viaggio di ritorno dello scrittore italiano dal ‘campo’ in patria. Nel ventennale dalla sua morte, (Primo Levi muore suicida nel 1987), e a sessant’anni dall’entrata dell’Armata Rossa nel campo di concentramento di Auschwitz, ...
Inserita il 01 - 02 - 07 Flavio Fabbri

  Pagine:   Vai all'inizio  Vai alla pagina precedente  1  2  3  4  5  6  Vai alla pagina successiva

Disclaimer immagini


IL CARTELLONE

Pubblicità Spettacoli Teatro
Login    Contatti    Dalla Redazione    Privacy    Preferiti    Imposta come Homepage - Siti partner: Lavoro, Arredamento

© 2003-2014 Teatro.it snc di Triglia Demetrio & C. - via Vigevano, 15 - 20144 Milano (MI) - PI: 08617960961 - R.E.A. Milano 2037420 del 11/04/2014
Iscrizione al ROC 248522 del 19/05/2014 - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano il 30/05/2008 - n. 342 - Direttore Responsabile Fabienne Agliardi This website is ACAP-enabled