Angelo Callipo

Angelo Callipo

AUTORE di Venezia

Laureato in Lettere Classiche, si è formato all' Accademia del Teatro Politeama di Napoli e all' Istituto Nazionale del Dramma Antico di Siracusa. Dopo aver lavorato come attore in diverse compagnie teatrali, ha iniziato la sua attività come sceneggiatore e consulente ai testi per la creazione di cortometraggi e video d'arte. Ha successivamente avviato una collaborazione con Rai Educational nell'ambito dello studio e riduzione di testi del teatro latino dei quali ha anche curato la traduzione. Ha collaborato con la S.U.N. Seconda Università di Napoli, Facoltà di Lettere e Filosofia, con seminari e spettacoli teatrali e con la Sovrintendenza dei Beni Archeologici delle Province di Napoli e Caserta nell'ambito della rivalutazione del patrimonio artistico-culturale. I suoi testi sono stati interpretati da Alessandro Haber, Rocco Papaleo, Mariano Rigillo al fianco dei quali ha recitato, Michele Placido, Giulio Scarpati, Isabella Ferrari, Fabrizio Bentivoglio, Stefania Sandrelli, Amanda Sandrelli, Blas Roca Rey, Sergio Rubini, non ultima, la collaborazione artistica con Gianfranco Jannuzzo con il quale ha recitato e dei cui ultimi spettacoli è autore.

Il suo testo Il mio corpo ferito ha ricevuto una Menzione d'onore alla XII edizione (2009) del Premio Osservatorio di Bari, sezione teatro. Lo spettacolo Il coltello in tasca, di cui ha curato anche la regia, ha vinto il Premio Ribalta Teatro 20120. Ha scritto, tra gli altri: Mamma Camorra (2012), Ciò che non è può sempre diventare..." (2011), "Eccomi, manda me..." (2011), " E mi me ne so andao (2010), Il coltello in tasca (2009), Non gli ho detto neanche arrivederci (2009), Non Colpevole - processo a un nazista modello (2008). 

Una versione ridotta de Il mio corpo ferito con il titolo Ferita di carne è stata pubblicata nel libro-catalogo "Io sono il grido", a cura di Laura Oddo, Liliana Paganini, Francesca Taormina (Palermo marzo 2014). 

Il testo LA MALA NOVELLA, adattato nella versione di laboratorio teatrale scolastico, vince il primo premio assoluto del concorso bandito dal Ministero della Pubblica Istruzione "TeatroèScuola" (2014). 

Il melologo Vatel, di cui ha scritto il testo per la musica di Marco Tutino, è stato pubblicato per la casa musicale Sonzogno Milano (2015). Dal suo testo Il Regalo Rotto è stato tratto l’omonimo libro, scritto da Michele Tarallo e con la prefazione di Alessio Boni per l’editrice San Paolo di Milano (2015).

Il testo "Tu sei il mare" è uscito in Messico tradotto all'interno di un'antologia dedicata alla Drammaturgia Italiana Contemporanea.

Attualmente è docente presso Scuola di Teatro "Giovanni Poli" del Teatro a l'Avogaria di Venezia.

 

Continua a leggere...
Il Teatro Impiria indaga la storia che insorge
Teatro

Il Teatro Impiria indaga la storia che insorge

La Compagnia diretta da Andrea Castelletti porta in scena Giulia, uno spettacolo che parte da un semplice nome, ma attraversa decenni di storia, unendo tra loro generazioni diverse accomunate da un'unica terra. Quella giuliana.

Il Teatro Aurora di Marghera non interrompe la sua programmazione
Teatro

Il Teatro Aurora di Marghera non interrompe la sua programmazione

L'associazione Questa Nave riprende le attività al Teatro Aurora di Marghera, dopo che il mancato rinnovo della convenzione tra Comune di Venezia e proprietà del teatro aveva messo a rischio la stagione 2015. Il contributo ricevuto dalla Regione Veneto consente di far ripartire il calendario.

Ottavia Piccolo: la dignità del lavoro si può perdere in appena sette minuti
Teatro

Ottavia Piccolo: la dignità del lavoro si può perdere in appena sette minuti

Nello spettacolo "7 minuti", per la regia di Alessandro Gassman, Ottavia Piccolo è Bianca, donna determinata e fragile al tempo stesso, che difende le sue convinzioni su lavoro e dignità. Incontriamo la grande attrice al Teatro Goldoni di Venezia.

Ottavia Piccolo alla Casa di Reclusione femminile di Venezia
Teatro

Ottavia Piccolo alla Casa di Reclusione femminile di Venezia

Ovviamente non è stata reclusa, ma sarà ospite il 23 gennaio alle ore 16 in un incontro di laboratorio per diffondere la cultura teatrale dentro e fuori dal carcere. Ingresso riservato, in collaborazione con il Teatro Stabile del Veneto.